NON E’ VERO CHE IN UNA PISTA AFFOLLATA NON SI PUO’ BALLARE BENE…

Basterebbe attenersi alle regole della pista che sono poi quelle del buon senso.

Basterebbe (noi insegnanti) spiegare che lo “stile” nel ballo è sopratutto uno stile comportamentale.

Basterebbe insegnare a ballare in spazi ristretti: si sa che l’abbondanza di spazio è diseducativa…la gente tende a esagerare i movimenti, spinge, diventa egoista quindi narcisista e irrispettosa, chi sa ballare in spazi stretti balla con “te” e può ballare ovunque. Non è vero il contrario!

Certi atteggiamenti hanno a che vedere con la maleducazione e la mancanza di rispetto, confermano purtroppo quanto sia ormai quasi completamente dimenticato il “Galateo della Pista”.

Detto questo, per ballare in spazi ristretti sono d’aiuto anche abilità di tipo tecnico che riguardano soprattutto il controllo dei propri movimenti.

A me piace molto ballare in piste affollate, non vivo mai come un disagio la pista “murata”, anzi è una cosa che mi diverte molto e che mi permette di sfruttare al massimo la mia tecnica individuale. Credo che questo accada alla maggior parte dei ballerini esperti: più sei tecnico meno problemi avrai a ballare su una piastrella, meno tecnica hai acquisito più reclamerai una pista tutta per te per ballare senza temere di fare strike degli altri ballerini come birilli.

PASSIAMO A TRE CONSIGLI PRATICI PER I BALLERINI CHE INTENDONO DESTREGGIARSI IN SPAZI RISTRETTI CON LA SALSA.

CONSIGLIO NUMERO 1: impara a ballare maggiormente sul posto accorciando il passo base. Concentrati a contenere il tuo basico. Ricorda che è il passo che l’uomo conta 5 in Salsa (quando indietreggia di destro per capirci) il più pericoloso per le altre coppie.

Nella dama è il passo che conta 1 quello che fa più “vittime”.

Imparate a controllare almeno questi due movimenti e già le cose cambieranno parecchio, per te e per chi balla vicino a te.

CONSIGLIO NUMERO 2: balla più “corto”. Con questo termine i ballerini intendono quella condizione in cui le braccia non si stendono mai completamente. Il gomito, giusto per aver un riferimento, non dovrà mai apparire steso. Ballare corti determinerà una sensazione di costante spinta/trazione migliorando la connessione tra i partner e conseguentemente la comunicazione di coppia.

Impara a ballare “corto”e lo spazio di azione del tuo ballo si ridurrà sensibilmente.

CONSIGLIO NUMERO 3: allenati nello stretto. Prima di cimentarti in una pista gremita di altre coppie inizia dall’allenarti da solo o in coppia. Fissa dei paletti nel tuo salotto di casa e se serve, limita lo spazio con un paio di sedie o altri ostacoli che ti costringano a ballare contenendo i movimenti. Non hai idea di quanto possa riverlarsi utile questo allenamento specifico per sviluppare l’abilità del ballare in spazi ristretti.

-CONCLUSIONI-

La sala affollata può dar vita a un modo particolare di ballare, molto coinvolgente e bello da vedere.

Oltretutto quando si ha poco spazio a disposizione ci si può divertire ugualmente, anzi di più perchè la pista diventa una palestra per imparare ad ascoltarsi di più, a fare più attenzione, insomma a ballare di più l’uno per l’altro…

e qundo questo succede è una sensazione quasi magica!!

Let’s dance!
Elena

PS. Se vuoi seguire i miei training per ballare in spazi ristretti clicca quì: https://www.orobicdance.it/?page_id=167